NovitÓ 2017 nel calendario delle scadenze fiscali | Sprint Immobiliare

Via Magenta, 23 - Monopoli (BA)

Ricerca immobili

 

NovitÓ 2017 nel calendario delle scadenze fiscali

Il 2017 sarà un anno di novità per quanto riguarda il Fisco. E aria di cambiamenti si respira anche sul fronte delle scadenze fiscali. Dal prossimo anno molti termini per il versamento delle imposte verranno prorogati in modo strutturale. Vediamo quali e come.

Scadenza dichiarazione dei redditi modello Unico: dal 16 al 30 giugno

La scadenza del saldo e del primo acconto per i versamenti delle imposte (Irpef, Ires, Irap) risultanti dalla dichiarazione dei redditi modello Unico viene prorogata strutturalmente al 30 giugno. La nuova disposizione vale per le persone fisiche, le società di persone (in relazione all’Irpef), le società di capitali che hanno l’esercizio coincidente con il periodo d’imposta e che quindi devono versare il dovuto entro il sesto mese successivo alla scadenza del medesimo periodo.

Scadenza consegna certificazione unica: dal 28 febbraio al 31 marzo

Il termine di consegna della certificazione unica da parte del datore di lavoro ai lavoratori o ai pensionati passa al 31 marzo di ogni anno.

Scadenza istanze di rottamazione: dal 23 gennaio al 31 marzo

Il termine entro il quale è possibile fare istanza a Equitalia per la definizione agevolata di ruoli e cartelle viene posticipato al 31 marzo.

Scadenza dichiarazione dei redditi modello 730: dal 7 al 23 luglio

La scadenza della dichiarazione dei redditi dei lavoratori dipendenti modello 730 slitta al 23 luglio, che cadendo nel 2017 di domenica passa direttamente al 24 luglio. Il nuovo termine varrà anche per professionisti abilitati e Caf, purché entro il 7 luglio abbiano effettuato la trasmissione di almeno l’80% delle dichiarazioni.

Sospensione estiva

Le nuove regole prevedono la sospensione dal 1° agosto al 4 settembre dei termini di scadenza per inviare documenti e informazioni richiesti ai contribuenti dal Fisco. La sospensione vale anche per il pagamento delle somme dovute a seguito di controlli automatizzati, formali e della liquidazione delle imposte sui redditi a tassazione separata.

Spesometro e comunicazioni Iva

Il Decreto Legge 193/2016 ha introdotto il nuovo sistema delle comunicazioni Iva trimestrali, le cosiddette mini dichiarazioni Iva. Con la modifica subita dal D.L. 193/2016 in sede di conversione, il secondo trimestre non ha più scadenza il 31 agosto, ma il 16 settembre; per il primo anno di applicazione lo spesometro non sarà trimestrale, ma semestrale e la prima scadenza sarà il 25 luglio 2017 (per il primo semestre); cambia il regime sanzionatorio e cambiano anche i termini entro i quali è possibile fruire di riduzione delle sanzioni.

Dichiarazione Iva annuale

La dichiarazione Iva annuale relativa al 2016 dovrà essere presentata entro il 28 febbraio. Dalla dichiarazione Iva annuale relativa al 2017 il termine di sposterà al 30 aprile.